Storia

ViViBanca nasce dalla fusione tra la TerFinance, società finanziaria protagonista nel settore del credito alle famiglie, e il Credito Salernitano, espressione della tradizione del territorio. Nel 2016 TerFinance, intermediario finanziario iscritto all’Elenco Speciale ex art.107 TUB, attivo dal 1988 nei settori della cessione del quinto, dei prestiti personali e del leasing finanziario, ottiene l’iscrizione - tra le prime società non di emanazione bancaria - al nuovo Albo Unico degli intermediari finanziari istituito dal D.Lgs.141/10 e, perseguendo l’obiettivo di trasformarsi in banca specializzata, presenta un’istanza alla Banca Centrale Europea per l’autorizzazione all’acquisto del controllo del Credito Salernitano - Banca Popolare della Provincia di Salerno, banca popolare costituita a Salerno nel 2007, con oltre 1.200 soci, da un gruppo di promotori finanziari, imprenditori e professionisti.

L’assemblea straordinaria dei soci della banca delibera all’unanimità dei partecipanti la trasformazione da banca popolare in banca società per azioni ed un significativo aumento di capitale, la cui quota di maggioranza è riservata alla TerFinance.

Nel dicembre 2016 la Banca d’Italia e la Banca Centrale Europea autorizzano la trasformazione, l’aumento di capitale e la fusione inversa tra TerFinance e CrediTer Banca, nuova denominazione del Credito Salernitano. Alla fine dell’anno viene sottoscritto l’aumento di capitale e TerFinance diviene il principale azionista della Banca.

Nel 2017, dopo l’approvazione del progetto di fusione da parte delle rispettive assemblee, viene stipulato l’atto di fusione e viene autorizzato dalla Banca d’Italia il cambio di denominazione da CrediTer Banca S.p.A. a ViViBanca S.p.A. Dall’operazione nasce un nuovo operatore bancario specializzato, dotato di un capitale sociale di oltre 31 milioni di euro, con un Core Equity Tier 1 di circa il 19% ed un Total Capital Ratio superiore al 20%, dati che esprimono una solidità patrimoniale superiore alla media degli intermediari comparabili.

Dall’operazione, completata con successo in pochi mesi, è derivata una Banca con oltre 80 dipendenti, 2 filiali, 70 agenzie e che distribuisce i suoi prodotti anche attraverso 700 sportelli bancari. Al capitale di ViViBanca partecipano 2 banche, la Banca Popolare di Bari e la Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo, il Gruppo Assicurativo Net Insurance S.p.A., i Partner Finanziari, Finandrea S.p.A. e Compagnie Financiere Saint Exupery, i manager attraverso la Holding Vega Management S.p.A. oltre a 1.200 azionisti privati.


Mission

Chiara, semplice, innovativa e italiana, ispirata alla vita e ai desideri delle persone che credono nel futuro, ViViBanca si propone come nuova realtà nazionale, specializzata nel credito alle famiglie attraverso l’erogazione di prestiti contro cessione del quinto, e nella raccolta on-line sul mercato retail.

Nata per valorizzare il contatto diretto con i propri clienti, ViViBanca è stata progettata per offrire soluzioni semplici e risposte immediate, sia per le necessità finanziarie che per la gestione del risparmio, come banca sempre aperta, grazie ai servizi on-line e ad una struttura estesa sull’intero territorio nazionale.


I Pilastri di ViViBanca

  • VALORE
    Orientamento continuo alla creazione di valore per gli azionisti
  • SODDISFAZIONE
    Approccio orientato a massimizzare la soddisfazione del Cliente
  • RISPETTO
    Rispetto dei principi di integrità e onestà nei confronti di tutti gli stakeholder
  • IMPEGNO
    Impegno continuo rivolto al raggiungimento dell’eccellenza
  • RESPONSABILITÀ
    Responsabilità di utilizzo delle risorse volte a incoraggiare comportamenti leali all’interno dell’azienda



ASSOCIATI CON


Associazione Bancaria Italiana

Associazione Italiana del Credito al Consumo e Immobiliare

Associazione Italiana Leasing

Unione Finanziarie Italiane



ViViBanca S.p.A. P.IVA 04255700652 - REA TO 1228616 - Cap. Soc. Deliberato, Sottoscritto e Versato € 31.397.751,00. Iscritta con il N.5647 all’Albo delle Banche - Codice ABI 05030 - Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi.




Cookies | Note Legali